ANDREA DE VICENZI

Mental Coach e Atleta Paralimpico

Andrea Devicenzi, Coach e Atleta Paralimpico di Ciclismo e Triathlon.

Da giovanissimo incontra nel suo percorso di vita, a soli 5 anni, lo sport, Judo, Calcio e Atletica Leggera, dove impara la Fatica, Volontà, Determinazione e Costanza.

Poi, all’età di 17 anni, un grave incidente motociclistico, gli causa l’amputazione della gamba sinistra, cambiandogli per sempre la VITA!  In meglio!

Racconta Andrea: “C’è chi la chiama “Seconda Vita” e chi “La mia Rinascita”, fatto è che quando veniamo colpiti da un grosso trauma nel corso della nostra vita, ripartire è sempre difficile e complesso, ma non impossibile!

L’indomani dall’evento, disteso sul letto dell’ospedale, la mia vita subì un’impennata negativa improvvisa, piena di difficoltà, barriere e l’impossibilità (momentanea) di non poter più raggiungere gli obiettivi che già coltivavo nella mia mente, fino a quando ho iniziato a pensare, che per quanto grave fosse quello che era successo, non sarebbe stato sufficiente a precludere tutti i miei successi futuri.

Ho iniziato a concentrarmi su ciò che mi era rimasto di integro nel mio corpo, ho iniziato a credere ancora di più nelle mie possibilità, in me stesso, studiando, allenandomi, a prefiggermi i primi piccoli obiettivi e pormene sempre di nuovi, portandomi ad importanti risultati.”

La scelta di reagire a questo evento drammatico, lo ha portato negli anni a raggiungere importanti traguardi sportivi, come ad esempio:

2010 – In solitaria ed in sella alla sua due ruote a pedale, raggiunge per la prima da un atleta amputato di gamba, la vetta del Kardlung La, in India, denominata la strada carrozzabile più alta del mondo, arrivando a quota 5.602 metri

2011 – Partecipa e conclude la Parigi/Brest/Parigi, 1.230 chilometri percorsi nel tempo di 72 ore e 42 minuti, mai riuscito da nessun al Mondo in oltre 120 anni di storia della manifestazione

2013 – Dopo soli due annia dall’inizio dell’attività nel paratriathlon, in Turchia, conquista la medaglia d’argento ai Campionati Europei

2016 –  Partendo da Lima (Perù), in solitaria, ha percorso 1.200 chilometri in mountain bike per raggiungere la cittadina di Cusco e 4 giorni di trekking per raggiungere il sito archeologico di Machu Picchu.

Oggi, incontrare i ragazzi di tutta Italia è divenuta una delle sue principali attività, che svolge con Passione e Volontà.

Photo Gallery

I social di Andrea